venerdì 24 ottobre 2008

=> MARCO MARTINI interview

Cari Blog-nauti,

anche oggi, postiamo 2 post al prezzo di uno: questa qui sotto è l'intervista esclusiva a Marco Martini alias David in "IN THE MARKET" ed il consueto appuntamento con il Diary of the day: DAY 16.

INTERVISTA:

Che cosa è stato per te IN THE MARKET?
IN THE MARKET è stato un progetto interessantissimo, ma in primis è stata una scommessa con me stesso. Spero che sia un trampolino di lancio per noi giovani attori e per tutta la troupe.

Che sensazioni hai avuto quando hai letto per la prima volta la sceneggiatura?
Sento molto la sceneggiatura, anche perché faccio parte dei quattro sceneggiatori che gli hanno dato vita, e quindi ho curato ogni passaggio dello script, dal soggetto alla stesura finale del tutto, assieme a Lorenzo Lombardi, Eleonora Stagi e N. Santi Amantini. Perciò, mi piace molto, la sento un po’ anche mia e nello scriverla abbiamo cercato di creare una storia semplice e allo stesso tempo molto efficace, curata nei minimi particolari: credo che siamo riusciti a raggiungere questo risultato. Quindi è stato maggiormente emozionante dar vita ad un personaggio che è venuto fuori anche dalla mia fantasia.

Quali sono le differenze e le similitudini fra te e il personaggio?
Una differenza rilevante è che David è riuscito a fare un viaggio con due belle ragazze, mentre una cosa che ci accomuna è che, anche a David, non gli ci sta nessuna. A parte gli scherzi, David ed io ci assomigliamo tantissimo. Siamo due "farfalloni", entrambi protettivi, testardi, impulsivi..

Come è stato il set di In the Market?
Mi sono sempre sentito a mio agio prima e durante le riprese. Mi ricordo che il secondo giorno è stato pieno di inconvenienti: appena si risolveva un problema ne veniva fuori un'altro facendoci ritardare coi tempi. Però siamo sempre riusciti a trovare una via d'uscita.

Che cosa ti è rimasto di In the Market?
Sicuramente è stata una grande esperienza di vita che mi ha aiutato a crescere nel campo artistico. Poi mi ha lasciato tanta nostalgia per il clima che si era creato con la troupe e l'attaccamento al personaggio: è stato come vivere una vita parallela.

Descrivi il tuo rapporto con il regista e con la troupe.
Come ho già detto, il rapporto con la troupe ed il regista è sempre stato ottimo, come una grande famiglia. Abbiamo sempre curato tutto prima di iniziare una scena. Lavorare con loro mi ha divertito.

Qual è il dialogo che ti è rimasto nel cuore?
Quando siamo dentro il market e stiamo mangiando. S'era creata una sorta di intimità mentre parlavamo. Come se, durante le riprese, ci fossimo solo noi tre nel supermercato.

Qual è stata la difficoltà più grande che hai incontrato sul set?
La difficoltà più grande... Sicuramente dentro il market, ma ancora non posso svelarla...

Qual è stata la soddisfazione più grande che hai incontrato facendo In the Market?
Le soddisfazioni sono tante ma la più grande, per ora, è stata lavorare con professionisti come OTTAVIANO BLITCH e SERGIO STIVALETTI.

Saluta come saluterebbe il tuo personaggio
HEY...Ciaooooooo.


MARCO MARTINI alias "DAVID" for In the Market


Vi ricordiamo che prossimamente pubblicheremo anche l'intervista esclusiva a OTTAVIANO BLITCH as Adam.


2 commenti:

Lorenzo Berti ha detto...

a'bbelli!!!! è confortante vedere e sapere che qualche volta basta l'impegno e la bravura.
vi penso spesso, non fermatevi più mi raccomando
forti abbracci
Lorenzo(oggionatan come vi pare)
:-)

Anonimo ha detto...

Bel viso MArco Martini complimenti